Tag Archives: google

Cina, Google, GoDaddy e la politica

GoDaddy.com è uno dei più grandi registrar di domini Internet. Di certo non un “cattivo” nel senso internettiano del termine, ma non è nemmeno una pecorella: questa notizia, ad esempio, è datata, ma fa capire che il business dei domini internet ha luci e ombre e non c’è molto spazio per i “buoni”.

Fatta questa premessa, quando vado a leggere che:

In response to new rules, GoDaddy to stop registering domain names in China

anche se mi dovrei stupire, non mi stupisco affatto e mi convinco sempre più che la zona grigia di cui parla Massimo Russo, tanto grigia non è.

Advertisements

Google condannato, editore o forum? Forse entrambi!

Update: mi sono riletto, ovviamente non è uscita nessuna sentenza, ma solo la notizia della condanna.

È uscita la sentenza che condanna 3 (su 4) dirigenti di Google nel caso ViviDown. 3 (su 4) dirigenti di Google sono stati condannati per violazione della privacy nel caso ViviDown. In breve, è successo che un cretino ha caricato su Google Video un video di un ragazzo disabile picchiato e deriso dagli “amici”. Il video è arrivato in home page di Google Video, il grande pubblico se ne è accorto e, indignato, ha denunciato chi ha picchiato il ragazzo, chi ha fatto l’upload e Google per aver permesso l’upload/non aver rimosso il video.

Perché Google dovrebbe essere responsabile per ciò che fanno i suoi utenti? Perché no, se fa profitto sui loro contenuti? Stiamo assistendo alla lenta ma inesorabile sconfitta del web 2.0?

Stefano, qualche tempo fa, aveva riassunto e spiegato in modo magistrale le varie problematiche legate a questo processo e vi invito a leggerle perché molto istruttive.

***

Dati i recenti sviluppi, torna di attualità un post di qualche tempo fa, sempre di Stefano, “il web 2.0 alla prova della regolamentazione: l’acqua diventa vino“, dove ci si chiede esattamente questo: quando un gestore di una piattaforma web 2.0 è “hosting” e quando, invece, diventa responsabile dei contenuti pubblicati dai loro utenti (di fatto, un editore)?

Ho letto qualche commento in giro che, riguarda alla vicenda di Google dice: “sì, ma loro non si sono limitati a fornire spazio web a chi ha caricato il video, l’hanno addirittura messo in home page e utilizzato per promuovere il business”. Riporto, a questo proposito, un mio vecchio commento al post di Stefano, che mi sembra tornato abbastanza attuale:

… A me [il web 2.0] sembra una evoluzione di entrambi (del concetto “classico” di editore e di un forum vecchia maniera, NdA) anzi una loro integrazione facilitata dalle nuove tecnologie. Il problema, a mio avviso, è che gli Operatori 2.0, nei quali lavorano “umani” che una volta gestivano “semplici” forum, non hanno nemmeno loro chiara la differenza fra le diverse funzionalità di una piattaforma 2.0 e creano dei ToS che confondono ulteriormente le idee.

***
Supponiamo che un giornale abbia un forum (stile 1.0, per intenderci) dove gli utenti pubblicano i loro interventi. Ora supponiamo che la rubrica cartacea “Lettere al Direttore” contenga una selezione di tale lettere.

Passano gli anni, il giornale cartaceo [va] online, poi si semplifica ancora e diventa una serie di pagine integrate con il forum, che si chiamano “home page”, “preferiti”, “top lettere”.

Allo stesso tempo, il forum aggiunge funzionalità “social” e permette la creazione di un network di amici.
***

La bottom line è che piuttosto che decidere se una piattaforma 2.0 sia hosting o editore, bisognerebbe favorire una normativa che sia in grado di distinguere fra le due diverse funzionalità.


Google Chrome per Mac (Beta)

Ho installato Google Chrome per Mac (è una beta, ma quale servizio di Google non lo è?). A prescindere dalle funzionalità che ancora mancano, che comunque non mi sembra si annuncino epocali, mi sembra una versione leggera di Firefox.

Mi sa che tra poco smetto di usarlo: voglio i miei temi e il mio Delicious.

Nuovi domini registrati a nome di Michael Jackson

A proposito, ho scritto un post sul blog di Nominet a proposito di un picco di registrazioni di nomi di domini “.uk” che sfruttano la morte del cantante. Ve lo riporto integralmente.

The day following the death of Michael Jackson, Google published a graph showing that their system were heavily hit by queries related to this news. Details can be found on the Google Official Blog.

Our experiments suggest that Nominet systems experienced an analogous, although orders of magnitude smaller, phenomenon. The following figures show the number of new registrations per hour of domain names that contain the name of Michael Jackson (or part of it) and the number of WHOIS queries that Nominet systems received in the same period.

Michael Jackson Graphs

The two graphs are highly correlated because it is common practice for domain name owners to make WHOIS lookups around the period of time they register new domains. The peak around the 27 of June in the second graph is probably related to news stories concerning suspicions about Michael’s death.  Apparently, it did not lead to an immediate rise in the number of domain name registrations.

We have conducted an informal analysis of the domain names that were registered in the last week. The majority of them belong to three categories: parking pages, commercial pages and commemorative sites such as blogs and forums. At the moment, we have no evidence of domain names used for scam or phishing.

In general, this episode confirms (again) that the dynamics of the Domain Name System follow those of the “real world”. A question that is still partially unanswered is at which degree these dynamics are followed by Internet users, i.e. how much their navigation behaviour depends on news stories. In the following months we plan to study the correlation between DNS data and other public events. Google has done something similar in the past, by correlating Google searches for flu-related terms with the spread of flu in North America. The results are very interesting and definitely merit extension to other data sources such as DNS traffic.

Il “Futuro del Social Networking”

Stavo scrivendo questo post e mi sono reso conto che capitava a fagiolo (che brutta espressione!) con il lancio di Google Latitude, il social network che promette di avere sempre sotto controllo la mappa (geografica) dei tuoi amici.

***

A Gennaio si è tenuto a Barcellona un Workshop sul Futuro del Social Networking sponsorizzato dal W3C e qualche giorno fa ne è uscito il report. È interessante leggere le considerazioni che sono state espresse a proposito della privacy nei social network (da notare che erano presenti molte aziende che operano nel settore):

forcing users to create accounts and record their data across many of these networks was counter-productive

A decentralized architecture… would allow the user to choose how many accounts and profiles she desires…

… social networking technologies needed to preserve the possibility for a user to fragment its identity across various profiles, and, in an increasingly context-sensitive setting, to hide, blur or lie about the user’s current context, as a minimal option to protect privacy

the difficulty of getting users to recognize the privacy-implications of their behavior on social networks… was found to stand as a great obstacle to the deployment of any technical solution…”

In pratica, i produttori di social network si stanno lentamente accorgendo che gli utenti non sono “sterminate praterie di dati personali che aspettano solo di essere raccolti”. E si sono anche accorti resi conto che se gli utenti non comprendono le implicazioni delle loro azioni sulla privacy, questo, in ultima analisi, rischia di danneggiare l’azienda stessa, perché gli utenti potrebbero decidere di rigettarne l’applicazione (questa, in realtà, è una considerazione mia).

Naturalmente, non è che adesso tutti cominceranno ad andare nella direzione opposta, sia chiaro: in fondo, partecipare a un social network, “fare rete”, vuol dire, per definizione, rinunciare a parte della propria privacy. Però fa piacere che anche “là fuori” qualcuno stia cominciando a interessarsi a questo problema.

Google e StopBadware.org

UPDATE (18:55): dopo aver tentato di dare la colpa a StopBadware.org :-), a Google si sono accorti che qualcuno ha inserito ‘/’ fra gli indirizzi pericolosi e che questa semplice stringa sia stata interprata, più o meno, come “tutto il web è pericoloso”. A me questa spiegazione sembra debole.

Nel frattempo, leggo, sempre dal blog di StopBadware.org, che l’enorme traffico generato dalle pagine di errore di Google ha effettivamente bloccato il loro sito.

Questo uno screenshot di oggi pomeriggio della pagina dei risultati di Google a seguito della query “Repubblica.it” (vedi anche qui cosa è successo):

repubblica-bad1

This site may harm your computer” Oibò!!! Che qualche spiritosone abbia infettato i server di Repubblica.it? In realtà, qualche problema nei server di Google ha fatto sì che qualsiasi sito internet fosse considerato potenzialmente dannoso, da qui la scritta sotto a ogni risultato di ricerca e l’impossibilità di connettersi alla relativa pagina web.

A quegli impavidi che, noncuranti del pericolo, tentavano di raggiugere il tanto agognato sito web appariva questo:

google-badware-page

Curiosando un po’ su Wikipedia si legge che:

StopBadware.org is a consumer-oriented nonprofit organization aimed at fighting malicious software, or “badware”. The organization is run by the Berkman Center for Internet and Society at Harvard Law School, and Oxford University‘s Oxford Internet Institute. Support is being provided by Google, Mozilla, Lenovo, PayPal, VeriSign, and Sun Microsystems…

Per cui, molto probabilmente, quelli Google hanno fatto qualche esperimento, magari hanno provato qualche nuova funzionalità e la cosa gli è sfuggita di mano.

Per la cronaca, durante il “downtime” io ho utilizzato Yahoo. Mi chiedo quanti abbiano fatto la mia scelta e se Yahoo abbia sperimentato un picco delle richieste in questo periodo (così come deve essere successo a stopbadware.org, che al momento è raggiungibile a singhiozzo).

PS: sì, concordo con Luca de Biase, questi sono stati minuti di ansia.

Google e neutralità dei contenuti (2)

Qualche giorno fa avevo scritto questo commento alla notizia di Google e del suo edge caching. Le certezze vacillano e gli osservatori cominciano a chiedersi se, forse, l’edge caching con la neutralità della rete qualcosa c’entri. Queste titubanze sono riportate dal pezzo a quattro mani firmato ZambardinoRusso qui.

Io continuo con la mia provocazione: neutralità della rete o dei contenuti? L’ISP o le telco potrebbero veramente permettersi di penalizzare Google Microsoft? Chi ci rimetterebbe?