Carta d’identita’ elettronica – Prima Parte


Sabato scorso ero ad Ancona per rinnovare la carta d’identita’. A quanto pare, Ancona e’ una delle 10 citta’ italiane ad aver avviato la sperimentazione della carta d’identita’ elettronica e questo, naturalmente, mi incuriosiva parecchio (oltre a esserne, in fondo, un po’ fiero, per puro, e un po’ infantile, spirito campanilistico). Quello che segue e’ il racconto di un normale Sabato mattina negli uffici del Comune.

Di buon mattino (intorno alle 11!), raggiungo l’ufficio “carta d’identita’ elettronica” (non si chiama cosi’, ma rende l’idea) che non e’ nell’edificio del Comune, bensi’ nei garage (o cantine, a scelta) di un normale condominio. Un po’ come i gruppi rock di quartiere di una volta.

Mentre entro, mi chiedo se le misure di sicurezza adottate dall’ufficio (o dal condominio?) siano adeguate: dentro ci sono computer, macchinari e altri documenti sensibili, che succede se uno entra di nascosto? Si stampa la carta’ d’identita’? Ruba i dati di tanti cittadini?

In ogni caso, confido nella serieta’ del mio Comune, certo che una situazione del genere non capitera’ mai: mi metto in fila e aspetto il mio turno.

L’impiegato del Comune, molto gentilmente, mi informa che a volte il sistema si blocca (?) ma che in caso di emergenza si puo’ sempre fare la CI tradizionale (allora forse e’ l’ufficio CI e non CIE). Vabbe’, speriamo bene, al mio cartoncino ci tengo.

Il mio primo disappunto (in realta’ lo sapevo gia’, ma crea suspence) e’ scoprire che la CI elettronica costa 25€ e spiccioli, a fronte dei circa 5€ di quella tradizionale. Ok’ che c’e’ il chip, ok la foto a colori, ma a me sembra un po’ tanto. Vabbe’.

Aspetto il mio turno e, naturalmente, il sistema si blocca, ma e’ normale, “succede ogni Sabato“, come ci comunica l’impiegato. A volte e’ un problema di collegamento con Roma, ma di solito “basta chiudere tutto e riaprire, non c’e’ bisogno di riavviare le macchine”.

Ma il software chi l’ha fatto, mia nonna? Ah, no, forse quelli di Italia.it. Dopo 15 minuti (forse era meglio spegnere tutto e riavviare) il sistema riparte e di li’ a poco vengo chiamato nella cabina.

(…to be continued, domani trovero’ delle analogie con il movimento no2id qui in Inghilterra…)

Advertisements

Comments are closed.